Home » FESTIVAL CITTA’ IMPRESA (VI). ASSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, “LE PMI VENETE SONO LA NOSTRA FORZA ECONOMICA. LA SFIDA E’ RACCONTARE QUESTA STORIA DI SUCCESSO PER DARE UN FUTURO ALLE NUOVE GENERAZIONI”

FESTIVAL CITTA’ IMPRESA (VI). ASSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, “LE PMI VENETE SONO LA NOSTRA FORZA ECONOMICA. LA SFIDA E’ RACCONTARE QUESTA STORIA DI SUCCESSO PER DARE UN FUTURO ALLE NUOVE GENERAZIONI”

Regione del Veneto / Comunicato n° 1069

“Piccolo è ancora bello, anzi, direi resiliente. Il modello veneto lo ha già dimostrato non solo nel 2009, durante la crisi dei subprime, ma anche dopo l’11 settembre e durante la pandemia. In queste tre imponenti e devastanti fratture temporali il modello economico del Veneto ha dimostrato di avere la forza per reagire alle crisi. Le micro e piccole imprese venete hanno saputo giocare la loro partita e non sono collassate, anzi. Oggi, in Veneto abbiamo 430mila imprese, delle quali il 99% sono PMI, e la maggior parte di queste ha meno di 10 dipendenti. E’ grazie a loro se il Veneto è una delle regioni che trainano l’economica italiana”.

Lo dice l’assessore regionale allo Sviluppo Economico partecipando al Festival Città Impresa a Vicenza e intervenendo al dibattito “Politiche Condivise per il nuovo Triangolo Industriale”.

“Un modello economico e sociale come quello del Veneto non esiste nel mondo: infatti, oltre ad aver dimostrato di saper fare impresa oggi abbiamo un livello di disoccupazione del 5%, quando quello fisiologico è del 3% – prosegue l’Assessore -. Questo significa che abbiamo imprese che investono ed esiste un sistema di welfare che non lascia indietro nessuno. All’estero questo non esiste. La sfida oggi è raccontare tutto questo: è giusto che i nostri giovani facciano esperienze in paesi diversi, perché interagire non il mondo arricchisce il proprio bagaglio culturale e professionale, ma non mistifichiamo la realtà. Il Veneto è la terra delle opportunità”.

“Ai giovani dico sempre, andate nel mondo, ma poi tornate in Italia a fare impresa – conclude l’Assessore regionale-. Da noi non vince solamente il primo, ma tutti gli imprenditori che hanno idee, hanno visione e credono nei giovani, dando loro fiducia e creando le opportunità affinché possano esprimersi e crescere, convivendo i valori e la cultura dell’impresa veneta”.